Michael Jordan: ”Ne abbiamo abbastanza. La nostra voce unificata deve fare pressione sui nostri leader affinché cambino le nostre leggi”

Il commento di Michael Jordan, proprietario della franchigia NBA degli Charlotte Hornets, in seguito alla morte di George Floyd

Michael Jordan, owner degli Hornets, ha rilasciato un comunicato in merito all’uccisione di George Floyd a Minneapolis e alle accese proteste che sono successivamente scoppiate in molte città americane:

Sono profondamente rattristato, veramente addolorato e chiaramente arrabbiato.

Vedo e provo il dolore, l’indignazione e la frustrazione di tutti. Sono dalla parte di coloro che protestano contro il razzismo radicato e la violenza nei confronti delle persone di colore nel nostro paese. Ne abbiamo abbastanza.

Non ho le risposte, ma le nostre voci unite mostrano forza e incapacità di essere separate da altri. Dobbiamo ascoltarci l’un l’altro, mostrare compassione ed empatia e mai voltare le spalle alla brutalità insensata. Dobbiamo continuare le espressioni pacifiche contro l’ingiustizia e chiedere responsabilità.

La nostra voce unificata deve fare pressione sui nostri leader affinché cambino le nostre leggi, altrimenti dobbiamo usare il nostro voto per creare un cambiamento sistemico. Ognuno di noi deve essere parte della soluzione e dobbiamo lavorare insieme per garantire giustizia a tutti.

Il mio cuore va alla famiglia di George Floyd e agli innumerevoli altri le cui vite sono state brutalmente e insensatamente portate via attraverso atti di razzismo e ingiustizia”.


Commenta per primo

Rispondi