Successo netto della truppa di mister Giuseppe Scurto che, agli Ottavi, sfiderà i pari età dell’Empoli

Una SPAL straripante vince allo stadio Comunale di Ferentino contro il Frosinone per 5-0 nel match valido per i sedicesimi di finale di Primavera Tim Cup.

Due rinvii e uno slittamento sul fischio di inizio di 85’ per il ritardo della terna arbitrale dovuto ad un problema alla macchina a caratterizzare l’ultimo match con in palio il passaggio del turno agli Ottavi. Migliore in campo Cuellar autore di un gol e un assist e di discese “ardite” per tutta la partita. Praticamente immarcabile per i difensori del Frosinone. Ciociari mai sceso in campo oggi.

I primi 20′ sono tutti di marca SPAL che, con un pressing alto, costringe il Frosinone tutto sulla propria trequarti a difendersi strenuamente. La SPAL gioca prevalentemente sulla fascia sinistra con il duo Yabre-Cuellar, immarcabili per la squadra ciociara. Al 23’ Cuellar dribbla sulla sinistra e mette in mezzo un pallone al bacio per Tunjov che spreca alto da buona posizione. Al 29’, su punizione, la prima occasione dei padroni di casa con Vitalucci; Galeotti compie un miracolo deviando in angolo. Al 33’, sempre il solito Cuellar, sibila il palo con un gran destro. E’ il preludio al goal che arriva dopo 4 minuti. Rinvio maldestro di Trovato e Cuellar, dopo un dribbling, mette dentro di sinistro sul primo palo. Grave errore del portiere frusinate sul goal ospite. La SPAL chiude in avanti e va vicina al raddoppio, a fine primo tempo con un colpo di testa centrale di Attys.

Nella ripresa parte forte la squadra ospite e al 47’ trova il raddoppio; calcio d’angolo battuto alla perfezione da Tunjov per Ellertsson che insacca alle spalle di Trovato. Al 61’ tris della SPAL con Cuellar che, come uno slalomista, si fa 40 metri di campo, entra in area di rigore e appoggia per Ellertson che, comodamente, mette la palla in rete per la doppietta personale. Frosinone sulle gambe e che non riesce a reagire contro una indomita SPAL. Cuellar, scatenato, appoggia per il neoentrato Teyou che, in piena area di rigore, viene atterrato. Dal dischetto Tunjov realizza il 4-0 al minuto numero 70. Al 92’ arriva anche il 5-0 degli ospiti con Pinotti che, di testa, insacca sull’ ottima punizione battuta dal solito Tunjov. Nel finale espluso Attys per una gomitata. Al triplice fischio finale, il 5-0 sancisce l’esultanza della SPAL e anche il rimpianto del Frosinone per il primo tempo giocato alla garibaldina e per le disattenzioni sui primi due goal.

Tabellino

Frosinone – SPAL 0 – 5 | 39’ pt e 16’ st Cuellar, 2’ st Ellertsson, 27’ st Tunjov, 46’ st Pinotti.

Frosinone: Trovato; Giordani (11’ st Maestrelli), Santarpia, Bracaglia; Maugeri (36’ st Potenziani), Selvini (36’ st De Julis), Battisti (22’ st Bruno), Peres, Coccia; Jirillo, Vitalucci (36’ st Orlandi). A disp.: Palmisani, Pacetti, Nigro, De Blasio. All.: Marsella.

SPAL: Galeotti; Alcides (28’ st Iskra), Peda, Raitainen, Yabre; Attys, Colyn (15’ st Teyou), Tunjov, Ellertsson (32’ st Suffer), Campagna (15’ st Pinotti), Cuellar (28’ st Mamas). A disp.: Wozniak, Csinger, Borsoi, Simonetta, Fiori, Dell’Aquila, Rigon. All.: Scurto.

Arbitro: sig. Pashuku di Albano (Roma); assistenti sigg. Pressato e Veronica Vettorel di Latina.

Note – Partita a porte chiuse; angoli: 2-2; ammoniti: 13’ pt Raitanen, 29’ pt Alcides, 37’ pt Peres, 5’ st Bracaglia, 24’ st Selvini, 44’ st Jirillo; espulso: 44’ st Attys; recuperi: 0’ pt; 3’ st; in tribuna il direttore dell’area Tecnica del Frosinone, Guido Angelozzi e il tecnico Alessandro Nesta.

Giordano Francesco

Rispondi