Marco Belinelli e la NBPA a sostegno dell’Ospedale Maggiore di Bologna

Marco Belinelli e Kobe Bryant

Non mi sono mai sentito così tanto orgoglioso di essere italiano

La generosità corre veloce tra Bologna, l’Ospedale Maggiore e San Antonio, Texas, USA, dove il cestista bolognese Marco Belinelli, guardia della Nazionale Italiana, gioca nei San Antonio Spurs.

Belinelli, infatti, ha voluto essere vicino alla città che lo ha reso famoso contribuendo economicamente all’acquisto di apparecchiature sanitarie per l’Ospedale Maggiore. La generosità di Belinelli ha contribuito all’acquisto di alcune apparecchiature sanitarie utili all’assistenza dei pazienti colpiti dal COVID-19. Nella donazione la guardia degli Spurs ha coinvolto anche NBPA, la National Basketball Players Association.

”Ringrazio Marco Belinelli per la sua generosità che, è il caso di dirlo, non conosce confini – dichiara Chiara Gibertoni, Commissario Straordinario dell’Azienda Usl di Bologna . Marco ha dato un simbolico ‘cinque’ a tutti gli operatori sanitari che ormai da settimane stanno dando il massimo per fronteggiare l’emergenza COVID-19. Testimonianze di affetto e solidarietà, come queste, risollevano il morale e fanno guardare avanti per continuare tutti insieme a vincere questa sfida. Grazie di cuore”.

”Da quando è scoppiata questa emergenza – racconta Marco Belinelli – sono sempre stato in contatto con la mia famiglia e i miei amici in Italia. Mio padre è medico chirurgo e per tanti anni ha lavorato sia all’Ospedale Maggiore di Bologna sia all’Ospedale di San Giovanni in Persiceto. So bene quanto il lavoro di tutti gli operatori oggi sia ancora più importante. Aiuto come posso, da lontano, nella speranza di poter tornare presto a Bologna e ringraziare una a una tutte le persone che oggi sono in prima linea. Non mi sono mai sentito così tanto orgoglioso di essere italiano”.

Commenta per primo

Rispondi