La Virtus batte Patrasso e balza al comando del girone A di 7Days EuroCup. Đorđević: ”Tanta energia a livello difensivo”

Gaines e Weems siglano il successo delle VuNere in EuroCup

Bologna, 11/12/2019 – PalaDozza  Marković, Gaines, Weems, Ricci e Gamble è il quintetto di partenza scelto da Coach Đorđević per questa ultima partita casalinga del primo turno di 7Days EuroCup.

Primo Break tutto di marca bianconera, la squadra gira alla perfezione e gli attacchi delle Vu Nere sortiscono gli effetti sperati; la difesa chiude ogni varco e non concede quasi nulla agli avversari, 9 – 0 Segafredo. Coach Giatras capisce il momento e chiama il primo time – out. Ancora Weems allunga ulteriormente il vantaggio trovando per ben 2 volte il canestro, dopo 5’ di partita il risultato è di 13 a 0. Il primo canestro greco è una bomba di Fieler che dopo 6’ e 29’’ sblocca il risultato per la squadra ellenica. Le Vu Nere si rilassano, Patrasso prende fiducia ed in pochi secondi accorcia lo svantaggio con Babb e Agravanis, vantaggio di +6 bianconero che impone però a Coach Djordjevic la chiamata del prim time-out. Teodosic trova i primi punti facendo 2/2 dalla lunetta. Pajola risponde alla bomba di Babb, mentre Katsivelis trova gli ultimi 3 punti dall’arco proprio sulla sirena. 19 a 16 per la Segafredo dopo i primi 10’, che ora deve difendersi dal tentativo di rimonta della squadra greca.

Secondo quarto che si apre prima con l’asse Hunter Teodosic che regala spettacolo, e poi con i 3 punti di Cournooh, che trova l’irregolarità e segna il libero a disposizione, 25 a 16 per la Segafredo. Baldi Rossi e ancora Hunter allungano ulteriormente il vantaggio bianconero, +11 al 13’ di gara. Il pubblico di casa rumoreggia a causa di alcune decisioni arbitrali poco condivise dai supporter bianconeri. Baldi Rossi concretizza il gioco da 3 punti e viene inneggiato dalla Curva, mentre Patrasso non riesce a chiudere i giochi in attacco. 37 a 29 il parziale in favore delle Vu Nere quando mancano 3’ all’intervallo lungo. Il vantaggio della Segafredo si stabilizza su una decina di punti,  ospiti che praticamente tirano solo da tre. 44-35 sirena e squadre che vanno negli spogliatoi.

Nel secondo quarto c’è spazio anche per Delia; pronti, via e il numero 16 piazza subito canestri importanti. Patrasso non ci sta e Lypovvy risponde all’argentino mentre Weems segna il canestro del 51 a 46 per le Vu Nere; Fieler trova la bomba dall’arco e Katsivelis trova il pareggio momentaneo appoggiando con una mano la palla al ferro. Ricci e Gaines spingono sull’acceleratore, break di 5-0 e Patrasso chiama il time-out, 27’di gara sul punteggio di 56 a 51 per i bianconeri. I padroni di casa attaccano, mentre in difesa faticano a contenere gli attacchi di Patrasso, dai liberi Ellis non sbaglia, fa 2/2 e accorcia lo svantaggio ad 1’dalla fine del terzo quarto. Teodosic lancia Baldi Rossi in contropiede, tutto solo il numero 8 schiaccia la palla in rete; Pajola riceve palla oltre l’arco in posizione defilata e trova i 3 punti. La fine è ancora di marca greca perchè Mantzoukas accorcia lo svantaggio segnando proprio sulla sirena. Terzo quarto che termina con il risultato di 65 a 59 per la Virtus.

Ultimo atto di partita che si apre con Teodosic che da solo recupera il pallone in difesa e sempre da solo sfida tutta la difesa avversaria, entra nel pitturato e segna il canestro del 69 a 62. Ellis sbaglia clamorosamente una schiacciata, Gaines riparte ma viene fermato irregolarmente, sulla lunetta la guardia americana non sbaglia e fa 2/2, vantaggio di +9. Teodosic non si accontenta e piazza la tripla del + 12, tutto il PalaDozza canta e incita le V Nere, mentre Coach Giatras è costretto a chiamare il time out. A 5’dalla fine la partita appare saldamente nelle mani della Segafredo, che manovra e gestisce bene i possessi a sua disposizione, Gaines è una spina nel fianco nella difesa greca, dai liberi non sbaglia e fa 2/2 in tre azioni consecutive, 80 a 67 il parziale al 36’ di gara. Delia su assist vincente di Teodosic segna e va in doppia cifra, mentre Patrasso prova a rimontare lo svantaggio sfruttando i tiri liberi; la Virtus torna a +9 dopo che Patrasso segna con una bella azione tutta di forza. Coach Djordjevic chiama il Time – out. Teodosic fa sulla lunetta quando mancano poco meno di 3′ alla fine, e riporta le Vu Nere sul +10; Ricci trova tre punti ai quali risponde Mantzoukas con un’altra bomba, 86 a 75. Nell’ultimo minuto c’è spazio anche per Nikolic. Finisce 88 – 75 per le Vu Nere che si portano soli al comando del girone A di 7Days EuroCup.

Le dichiarazioni di Coach Đorđević al termine della gara di EuroCup:

”Una vittoria concreta, solida e importante,  a livello difensivo abbiamo messo tanta energia. Patrasso ha giocato con scioltezza. Nel secondo tempo avremmo potuto evitare qualche palla persa di troppo, dobbiamo giocare in maniera più semplice, senza forzare le giocate. Con Babb, ad inizio partita hanno trovato tanti punti grazie a tiri da 3 punti. Sono contento della prestazione di tutta la squadra;se devo scegliere un giocatore dei nostri , dico Delìa che ci ha dato un grandissimo aiuto. Come ho detto in passato, si è messo a disposizione della squadra da grande protagonista, senza mai pretendere o chiedere più spazio o minuti. Prima di Monaco, ci attende la partita contro Brindisi. Loro sono atletici e ben preparati come tutti i nostri avversari affrontati fino ad ora. Nel campionato italiano è importante la fisicità, soprattutto a inizio stagione. Stiamo lavorando tanto, non siamo stanchi e non possiamo avere cali fisici.  Dobbiamo sempre migliorarci sul piano fisico e continuare come stiamo facendo ora, alcuni giocatori come Pajola stanno lavorando anche 4 giorni a settimana con un programma specifico. I nostri giocatori perimetrali come Teodosic spesso vengono raddoppiati e per questo i nostri lunghi in posizione low post sono importanti per il playmaking, dobbiamo saper far cadere le difese avversarie. Domani a Ricci toccherà rivedere un lungo video. Deve liberare spazio nel cellulare per prepararsi a riceverlo…scherzi a parte, da quando veste la canotta della Virtus mette in campo  tanta energia e si sacrifica tantissimo, penso che sia uno dei pochissimi in Europa. Deve leggere meglio e migliorare alcune letture di gioco che sono cruciali. Mi godo anche la partenza 14-0, finalmente. È stata ottima forse la migliore in Eurocup fino ad ora. Teodosic legge le partite alla sua maniera, capisce che cosa serve alla squadra e di che cosa i suoi compagni hanno bisogno. Stasera ha messo tanti palloni nelle mani dei suoi compagni”.

Commenta per primo

Rispondi