Jerome Dyson firma il primo squillo della Virtus Roma in LBA, Vanoli ko 97-94

I 25 punti di Jerome Dyson, con la tripla decisiva del match, consentono alla Virtus Roma di portare a casa la prima vittoria in LBA

Roma, 06/10/2019 – PalaEur. Arriva la prima vittoria per la Virtus Roma in LBA.

La truppa di coach Piero Bucchi riesce ad avere la meglio sulla Vanoli Cremona per 97-94 al termine di un match intenso, equilibrato, nel quale le squadre si sono affrontate colpo su colpo fino al quarantesimo minuto.

Una Virtus Roma con un’altra faccia rispetto a quella che ha affrontato e perso domenica scorsa con Brindisi, migliorata di condizione in giocatori importanti seppur priva di Rullo (fastidio muscolare) e Farley (colpo subìto in allenamento). In una sfida punto a punto per tutti i 40’, la Virtus ha risposto colpo su colpo alle iniziative degli ospiti condotte a turno da Diener, Saunders e Ruzzier, trovando ogni volta un protagonista diverso in Dyson, Jefferson, Buford e anche un Moore da 8 punti nell’ultimo parziale. Nel finale equilibrato, che Roma gioca senza Pini e Jefferson fuori con 5 falli, è proprio capitan Dyson con un canestro in penetrazione e una tripla da otto metri a firmare la prima vittoria per i capitolini.

Tabellino

Virtus Roma – Vanoli Cremona 97-94 | (23-26; 50-49; 71-72)

Virtus Roma: Cusenza ne, Moore 8, Alibegovic 7, Rullo ne, Dyson 25, Baldasso 7, Pini 2, Farley ne, Spinosa ne, Jefferson 17, Buford 20, Kyzlink 11. Coach: Bucchi.

Vanoli Cremona: Saunders 19, Mathews 8, Sanguinetti ne, Gazzotti, Diener 18, Ruzzier 11, Sobin 6, De Vico 3, Tiby 11, Stojanovic 8, Palmi 2, Akele 8. Coach: Sacchetti.

La sala stampa. Coach Piero Bucchi ha commentato la prima vittoria della Virtus Roma in questa stagione in LBA:

”Siamo molto contenti perché questa vittoria ci permette di prendere fiducia nelle nostre cose, sono partite che cementano il gruppo e danno fiducia nel lavoro e all’ambiente. È una partita che volevamo giocare così, al di là degli errori, ma sono stati belli l’atteggiamento e la voglia rispetto alla gara con Brindisi. C’è stata voglia di reagire e di ripartire, atteggiamento bello da parte di tutti tanto che il pubblico è stato coinvolto fin dalle prime azioni. Poi ovviamente sono i singoli che fanno le cose importanti, oggi era una giornata in cui dovevamo vincere. Abbiamo dovuto un po’ ridurre le rotazioni anche per le assenze di Rullo e Farley, ma i ragazzi hanno giocato con grande sacrificio e devo fare loro i complimenti. Dyson ha fatto una settimana completa di lavoro dopo lo stop dei dieci giorni scorsi e si è visto un giocatore completamente diverso. Nel complesso è stata una bella partita che fa bene all’atmosfera, allo spogliatoio, ai ragazzi che lavorano e sudano tutta la settimana”.

Umore opposto per coach Sacchetti, alla seconda sconfitta in campionato su due match disputati (Cremona ha riposato alla prima giornata ndr):

”Non si può dire che abbiamo fatto un gran difesa. Ci sono dei rimpianti, soprattutto con i sette liberi consecutivi sbagliati nel finale. Degli arbitri sapete bene che non parlo mai. Certe volte sei lontano, non vedi bene. Non mi va di parlarne, specialmente dopo aver perso. Dovevamo mettere dei tiri che non abbiamo messo. Una cosa in cui non siamo forti è il gioco spalle a canestro. Non è la nostra prerogativa. Dyson lo conosco bene, non mi aspettavo altro che quello che avete visto tutti. Diener in Nazionale? Ha già fatto il suo tempo”.

Commenta per primo

Rispondi